Talebani declassificati e talebani scrittori

Inizia la conferenza di Londra, un appuntamento decisivo per il (faticoso ed incerto) futuro della strategia occidentale in Afghanistan, una guerra (o se volete una missione) sempre più impopolare in America; per non parlare dell’Europa dove lo è sempre stata. In questi mesi, segnati dalla decisione di Obama di rafforzare la strategia civile (“ricostruzione” a cominciare dall’agricolutra) ma soprattutto di mandare più truppe in campo secondo la dottrina McChrystal, si è lavorato ad un punto d’accordo con gli alleati europei, il cui contributo è necessario non solo in termini numerici (o meglio di piazzamento sul territorio afghano) ma anche in termini politici per dare corpo al concetto che la Casa Bianca ha ripetuto a lungo ai propri elettori; ovvero che quella in Afghanistan non è una guerra solo americana ma di tutto il mondo occidentale.

In pratica il punto d’accordo trovato con gli alleati europei è quello di aumentare le truppe (dopo oltre un anno di tira e molla, la Germania ha appena deciso un aumento di 500 unità – la Francia non manderà altre unità combattenti ma non esclude l’invio di unità aggiuntive – l’Italia è da tempo il paese che ha dato la risposta più chiara alla richiesta americana con 1000 effettivi in più) ma iniziando, in contemporanea, a parlare di ritiro. Insomma la stessa cosa che ha fatto Obama annunciando aumento delle truppe e ritiro dal (sottolineo dal non nel) 2011 – data per giunta parzialmente smentita da molti a cominciare dal segretario alla difesa Gates.

Non casualmente ospitata dal paese che più di tutti soffre l’impegno afghano (destinato a lasciare strascichi di anni in un Regno Unito già piegato dalla crisi), la Conferenza di Londra sarà dedicata soprattutto al tema della pace. Al centro del dibattito ci sarà la strategia di reintegrazione (vedi un post di questo blog), in qualche modo “sacramentata” da un’intervista del generale McChrystal di pochi giorni fa al Financial Times. E’ in questo quadro che va inserita la decisione di oggi delle Nazioni Unite di eliminare dalla lista delle sanzioni (una sorta di black list post-11 settembre) cinque esponenti dell’ex-regime talebano che non oggi non combattono ma (aggiungiamo noi) sarebbero molto utili per condurre trattative e in parte vi sono già stati coinvolti (in particolare Mutawakil). Ecco chi sono:

  • Abdul Wakil Mutawakil – ministro degli esteri durante il governo dei talebani
  • Faiz Mohammad Faizan – viceministro al commercio
  • Shams-us-Safa – esponente del ministero degli esteri
  • Mohammad Musa – viceministro della pianificazione
  • Abdul Hakim – viceministro alle frontiere

Speriamo che non facciano la fine di quegli esponenti (ex-)talebani, sin’ora ospitati dal governo di Kabul e tenuti sostanzialmente a bagnomaria, “inutilizzati” nonostante possano essere utilissimi. Tra loro c’è un talebano di primo piano, ambasciatore in Pakistan e vero portavoce del regime (vedi l’annuncio che Bin Laden non sarebbe stato consegnato agli americani). Ho incontrato Abdul Salam Zaeef nel 2007 (poco più di una anno dopo il suo rilascio da Guantanamo), alla periferia di Kabul dove vive sotto-protezione o agli arresti domiciliari (come al solito in Afghanistan è sempre complesso capire le cose). In una breve intervista (non l’unica nè la prima concessa ad i media internazionali, la prima ad una tv italiana) in pratica delineò tutti i temi della possibile pace con i talebani, idee generali di cui oggi si torna a parlare ma ignorate a lungo.
L’anno scorso Zaeef ha avuto un altro momento di popolarità mediatica grazie alla sua passione per l’iPhone ma in realtà ha passato gli ultimi due anni a scrivere. Anche per questo non vedo l’ora di mettere le mani sul suo libro “my life with the Taliban” (“La mia vita con i Talebani”). In uscita il primo febbraio, con un operazione di promozione notevole e con importanti editori alle spalle. Il suo primo libro “una fotografia di Guantanamo” – per quanto mi risulti – è uscito solo in pashtù.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...