In nome di Alberto

Alberto_Jacoviello
Alberto Jacoviello (archivio l’Unita ©)

“Ho girato per il mondo attaccato ad un aquilone mai troppo alto per non vedere
mai abbastanza basso per capire”. Amo questa frase, che contiene in essenza la chiave per fare bene il lavoro di inviato all’estero, ponendo il tema della distanza, essenziale quanto difficile da mantenere nel giusto equilibrio tra visioni ampie e vicinanza ai luoghi.
E’ una frase di Alberto Jacoviello, grande inviato prima dell’Unità poi de la Repubblica, morto nel 1996 e la cui opera meriterebbe – per il giornalismo italiano e per il mezzogiorno di cui Alberto è un figlio illustre – di essere approfondita, studiata e sistematizzata.

La famiglia Jacoviello mi ha onorato concedendomi il premio intitolato ad Alberto che verrà consegnato all’ex-direttore del Corsera, Ferruccio De Bortoli, e a me il 22 maggio prossimo alle 17.30 a Lavello in provincia di Potenza (qui il dettaglio del programma). Spero di essere all’altezza di un riconoscimento del genere e spero di incontrare qualcuno di voi, se è in zona o se ci vorrà venire.

Phone-o-graphy a Trento

DSC04353
Holding the breath

Il corso all’Associazione Stampa Romana sull’uso dell’iPhone nelle video news, è stato un successo tanto che verrà replicato a Trento ma in una veste nuova. Io ed Enrico Farro parleremo (e terremo un laboratorio pratico) di phone-o-graphy non solo per le news ma per le video-produzioni e il video-racconto in genere. Appuntamento per il 2 luglio presso la elastico.co – azienda specializzata in formazione. Qui tutti i dettagli sulla giornata di formazione e su come aderire. Gli organizzatori hanno deciso che chi prenota subito avrà uno sconto sul costo del corso.

 

KILLA torna a Roma

IMG_8787
18th Thessaloniki Documentary Festival

Appuntamento venerdì 13 maggio alle ore 20.15 allo “Studio 5”, via Gian Francesco Biondi 9, Roma. Il gruppo Emergency Roma EUR organizza una proiezione di “KILLA DIZEZ – Vita e morte al tempo di Ebola”, ingresso libero con sottoscrizione per i progetti di Emergency.

Come arrivare allo “Studio 5”:
IN METRO: stazione Laurentina – Linea B, a piedi fino a via Gian Francesco Biondi 9 (20 min circa)
IN AUTOBUS: prendere l’autobus 763 e scendere alla fermata di via Marino Ghetaldi

IN AUTO: uscita 25 del GRA (Laurentina – Cecchignola)

A proposito, ci sarò anch’io e dopo la proiezione, se vi va, chiacchiereremo un po’ di Africa, Ebola e l’esperienza di questa produzione.

La “folla” e la follia hanno vinto

Finanziato con successo

Sono stati 45 giorni intensissimi, di grande fatica, sconforto, gioia, entusiasmo, persino euforia. Intorno al progetto si è raccolta una comunità di amici, colleghi, sconosciuti che intanto sono diventati amici. Abbiamo dimostrato insieme che c’è un’altra via per parlare di argomenti “che tanto poi non vendono” o forse più semplicemente scomodi e da dimenticare.
Siamo arrivati al 174% dell’obiettivo iniziale (662 copie contro le 380 previste), quindi il libro non solo verrà stampato su cartaceo ma grazie a questo “extra” miglioreremo la distribuzione (sarà più capillare, con una tiratura più ampia)  e la fattura del libro – Lantana sta verificando la possibilità (e il budget) per inserire le foto a colori non solo nell’ebook ma anche nel libro stampato.
Nei prossimi giorni ci saranno altre sorprese, restate sintonizzati ma soprattutto voglio dirvi grazie per il grande impegno che ci avete messo. Da chi ha rinunciato alla pizza di un fine settimana per comprarsi una copia del libro a chi si è messo al telefono (o su Facebook o alla mail) per diffondere la notizia e convincere gli amici ad aderire. Oggi ho più speranze sul futuro di questo sgarrupato Paese.

Ora vi saluto…vado a preparare 650 pagine (o forse più) per la stampa.
Siete forti!

Off Shore KILLA

CayFilm Laurels
Il documentario “Killa Dizez – Vita e morte al tempo di Ebola” sbarca anche nei paradisi fiscali! Battute a parte, in realtà le isole Cayman sono un paradiso in senso stretto per la loro bellezza naturalistica. Il festival del cinema e del documentario CAYFILM che vi si svolge – anche quest’anno nel week end lungo del 4 di luglio, festa dell’indipendenza americana – è di gran livello e propone tantissimi ospiti da Hollywood. La selezione di “Killa Dizez” è per noi una straordinaria soddisfazione ed un gran riconoscimento.
Purtroppo visto che KILLA è una produzione indipendente e ben sapete quanti tra sacrifici e arte d’arrangiarci ci è costata, io non potrò essere nè al CayFilm nè al TAFF, che si svolge nelle stesse date ma in Texas. Mi dispiace non poter partecipare al Q&A con il pubblico dopo la proiezione e alle conferenze stampa che mi avrebbero consentito, forse, di meglio raccontare il senso della produzione ma questa è la dura vita dei documentaristi indipendenti e bisognerà pur farsene una ragione anche se Dallas e le Cayman non sono esattamente poco invitanti!

Un’edizione “limitata”

Un’edizione “limitata” from Nico Piro on Vimeo.

Non vi promettiamo stampa su preziosa carta d’Amalfi nè copertine in pelle di (poveri) animali esotici. Non vi aspettate fianchi in carbonio oppure dettagli in alluminio aeronautico con miniature medioevali. Ma sappiate che “Afghanistan Missione Incompiuta” esce in edizione “limitata” anche se – un po’ presuntuosamente forse – speriamo che possa ampliare le prospettive piuttosto che limitarle.
Vista la straordinaria partecipazione al crowdfunding (la campagna si chiude il 6 maggio e abbiamo già raggiunto il 150% circa dell’obiettivo), visto che intorno al progetto del libro, di fatto, si è creata una comunità di persone senza le quali non avremmo mai potuto portare “Afghanistan Missione Incompiuta” in stampa e nelle librerie, abbiamo deciso di personalizzare tutte le copie acquistate durante il crowdfunding (nome e numero del sostenitore e firma).
Brad Pitt non era disponibile per gli autografi e Clint Eastwood ha il telefono sempre occupato ma se vi accontentate almeno vi resterà (oltre al libro) la “prova” che nella “folla” del crowdfunding c’eravate anche voi!

Se 580 vi sembrano troppe

“Che ore sono? Quanti minuti sono passati dall’ultima volta? Bene, facciamo due conti…anzi no clicchiamo il bottone di reload sulla pagina di Ulule e vediamo come va l’ovetto…Ma dai è pieno, l’immagine non cambia…che sfizio c’è? Vuoi mettere però la percentuale che va oltre il 100%? E’ un’emozione ogni volta…e vabbè ricarico”
Continua a leggere “Se 580 vi sembrano troppe”