L’ultimo muro

E’ un muro fatto di acqua, quella della Manica, e di polizia, quella che sorveglia i transiti del treno ad alta velocità, dei camion e dei traghetti diretti a Dover. Per migliaia di rifugiati in fuga dall’Iraq e dall’Afghanistan che sono riusciti ad attraversare l’Europa sognando l’Inghilterra ormai l’attesa di passare il Canale è a tempo indeterminato, così a quaranta chilometri dallo storico campo de “la jungla” di Calais, ne cresce un altro in condizioni persino peggiori, quello di Grande Synthe, vicino Dunkuerquee. Il mio servizio dal Tg3 delle ore 19, del 31/01/2015.

 

Dove la speranza fiinisce from Nico Piro on Vimeo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...