Elezioni afghane, verso il ballottaggio?

Le presidenziali afghane restano sospese nel limbo dell’indeterminatezza di risultati “provvisori”, ovvero quelli che commissione brogli (ECC) sta provando a scremare da schede frutto palese di frodi elettorali. Quella della ECC è una corsa contro il tempo perchè vasta parte dell’Afghanistan “chiude” alla fine di Ottobre, ovvero alle difficoltà tecnico-logistiche determinate dalle caratteristiche orografiche afghane e dall’assenza di strade già viste in agosto (ricordate i tremila asinelli che, per esempio, in Badakshan hanno portato le urne, i tavoli, le sedie, le schede fino ai seggi?) si aggiungerebbero quelle determinate dall’avvicinarsi dell’inverno (in Afghanistan sono già cominciate le prime pioggie “alluvionali”, le cosiddette “flash flood”) con pioggia e neve che rendono impraticabili intere province. In pratica un eventuale secondo turno se non si tenesse entro la fine di ottobre, dovrebbe essere previsto a maggio con, di mezzo, mesi di incertezza politica.

In altre parole non è un caso che la ECC abbia scelto di procedere a campione (vedi qui) ma solo tra i seggi con il 100% o più dei votanti o dove un singolo candidato si è aggiudicato tutti i voti o quasi. Si prova a fare presto, il prima possibile, anche se non è detto che questo processo toglierà a Karzai voti a sufficienza per farlo scendere sotto la soglia del 50% e quindi per obbligarlo al ballottaggio. E’ chiaro che gli americani vorrebbero il secondo turno, che potrebbe servire tanto a rilegittimare Karzai quando a proporre un’alternativa vera al presidente, nella persona del Dr. Abdullah. Di certo Karzai (con il suo governo incapace e corrotto) al momento, assieme ai talebani, è il principale ostacolo alla nuova strategia di counter-insurgency che il generale McChrystal sta provando ad attuare per vincere la guerra. In pratica, il punto è sempre lo stesso: perchè gli afghani, nelle aree “calde” dovrebbero scegliere di schierarsi con il governo, con il presidente, se in realtà l’apparato statale è corrotto e prepotente?
Un punto questo che ha fatto superare un altro tipo di remora sull’eventuale ballottaggio, ovvero quella sulla sicurezza. Perchè è evidente che altre settimane di campagna elettorale ed un altro giorno del voto, offrirebbero alla guerriglia un nuovo palcoscenico mediatico internazionale e decine di nuove occasioni di attacco, tra obiettivi fissi (i seggi) e mobili (i convogli elettorali e non).
C’è da dire comunque che in questo quadro così confuso, secondo indiscrezioni diplomatiche, gli Stati Uniti sono convinti che a vincere, al primo od al secondo turno che sia, sarà sempre Karzai (vedi anche qui) ed ormai hanno ripreso a ragionare con lui sui “prossimi passi”. Non è chiaro però con quanta convizione.

I dati. Gli ultimi risultati diffusi risalgono al 26 settembre (in ampio ritardo rispetto a quanto previsto dal regolamento elettorale e comunque con la mancanza delle province di Paktika, Nangarhar, Kandahar e Ghazni). Vedono Karzai al 54,6% con circa 3 milioni di voti ed il Dr. Abdullah a quota 27,8% con circa la metà dei voti ricevuti. Per avere un quadro dei risultati (vedi la sorpresa Bashardost) bisogna cliccare qui ma la pagina più interessante è questa, dove è possibile accedere ad una mappa interattiva e vedere i risultati provincia per provincia.

L’affluenza. Il dato più deludente di queste elezioni che la comunità internazionale si è affrettata a definire una vittoria, è proprio l’affluenza pari al 37.83% (62.6% uomini, 38.4% donne).

Le accuse di brogli emerse sin’ora ai danni del Presidente e del suo apparato sono, comunque, talmente estese che sollevano un dubbio anche sulla possibilità di far svolgere regolarmente il secondo turno. Si parla, nelle province dove in pochissimi sono andati a votare per motivi di sicurezza (da Kandahar a Ghazni) di urne vuote ma sistematicamente riempite con schede votate da funzionari e impiegati statali, in primisi poliziotti. In altre parole le accuse del Dr. Abdullah stanno trovando conferma. Il più quotato avversario di Karzai aveva sin dal dopo voto aveva denunciato brogli ma in questa intervista al Tg3 passa dal generico ad una specifica accusa contro il presidente. Non a caso, poi l’intervista è stata ripresa da una delle più importanti agenzie di stampa del mondo, l’Associated Press in questo lancio del 29 agosto scorso che non avevo sin’ora avuto l’occasione di pubblicare:

Karzai widens lead in Afghan election race

By JASON STRAZIUSO and ROBERT H. REID= Associated Press Writers= KABUL (AP) _ President Hamid Karzai widened his lead over his main challenger in the latest election returns, creeping toward the 50 percent mark that would enable him to avoid a run-off in the divisive presidential contest.
Karzai’s top challenger, former Foreign Minister Abdullah Abdullah, stepped up his fraud charges Saturday, raising doubts whether his followers would accept the incumbent if he wins in the first round.
Accusations of fraud in the Aug. 20 vote have poured into the Electoral Complaint Commission, which must investigate the allegations before final results can be announced.
Fraud allegations from Abdullah and other presidential candidates as well as low turnout in the violent south could strip the election of legitimacy, not only among Afghans but also among the United States and its international partners that have staked their Afghan policies on support for a credible government.
A widely accepted Afghan government is one of the pillars of President Barack Obama’s strategy to turn the tide of the Taliban insurgency. The election controversy has boiled over at a time of rising U.S. and NATO casualties, undermining support for the war in the U.S., Britain and other countries with troops here.
British Prime Minister Gordon Brown paid a surprise visit Saturday to British troops in southern Afghanistan’s Helmand province, hoping to counter critics who accuse his government of failing to support Britain’s mission here. A British Marine was killed by a bomb in Helmand on the day of the prime minister’s visit, the Ministry of Defense said in London.
Figures released Saturday showed Karzai with 46.2 percent of the votes against Abdullah’s 31.4 percent. The results are based on 35 percent of the country’s polling stations, meaning the percentages could still change dramatically.
Few results have been announced from northern Balkh province, where Abdullah was expected to run strong, and from some southern Pashto-speaking provinces where Karzai draws his support.
Karzai’s aides appeared confident that the president would score a first-round victory and avoid a run-off, which would probably be held in October if needed.
By contrast, Abdullah has been stepping up his charges, telling Italy’s RAI television that Karzai was responsible for “state-crafted, massive election fraud.” Abdullah’s drumbeat of allegations appear aimed in part at the United States and its allies, which would face some hard choices if a substantial number of fraud complaints are found to be true.
“If we allow he who robbed the votes of this country to move forward, we would give the Afghan people a future that they do not want to see, and I think this goes also for the international community,” Abdullah said in the Italian interview.
Abdullah said he would keep his protests “within the confines of the law.” “But the fact is that the foundations of this country have been damaged by this fraud, throwing it open to all kinds of consequences, including instability,” he added.
“It is true that the Taliban are the first threat to this country, but an illegitimate government would be the second.” International officials _ including Obama, the top U.N.
official in Afghanistan and the European Commission _ were quick to congratulate Afghans for pulling off the vote in the face of Taliban threats and violence.
But the massive fraud allegations that have surfaced since then have cast a dark shadow over the process, and some officials are withholding judgment on whether the election was credible.
The U.S.-funded International Republican Institute, which sent 29 international observers to monitor the balloting, urged authorities Saturday to ensure that “all complaints” be examined “in a prompt, fair and transparent manner” so the results will be accepted by most Afghans.
Senior officials from 27 countries _ including special U.S. envoy Richard Holbrooke _ are to meet in Paris on Wednesday to discuss Afghanistan, and the disputed election is likely to dominate the agenda.
During his visit with British forces, Brown promised to provide more equipment to help his soldiers cope with Taliban roadside bombs, the major threat to NATO forces.
More than 200 British soldiers have been killed in Afghanistan since the war began in 2001 _ more than Britain lost in the Iraq conflict.
“Let me pay tribute to the courage, bravery, professionalism and patriotism of our forces,” Brown told the troops at the British base in Lashkar Gah, capital of Helmand province. “I think our forces have shown extraordinary courage during this period. They know the reason why we are here and that is our security at home depends on a stable Afghanistan, no return of the Taliban, and no role for al-Qaida in the running of Afghanistan.” Brown called for speeding up the training of Afghan forces so they can play a bigger role in fighting the Taliban.
Britain has about 9,000 troops in Afghanistan, compared with more than 60,000 Americans. Obama

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...