Il “colpo di spada” che divide l’Isaf

Secondo fonti di stampa americana (ovvero l’agenzia del gruppo dei quotidiani McClatchy) l’operazione “colpo di spada” condotta dai Marines americani ha scatenato le polemiche dei vertici militari italiani e tedeschi. In pratica (vedi post precedenti), 4000 Marines stanno provando a spingere i talebani fuori dai loro covi lungo la parte bassa del fiume Hellmand, per “ingaggiarli”ed “eliminarli” in scontri a fuoco oppure costringendoli verso il Pakistan (dove le truppe locali sono “al lavoro” sulla frontiera) cosi’ da recuperare il controllo di un’area dove sin’ora la presenza britannica, anche in virtu’ di numeri ridotti , non ha garantito un controllo stabile dei principali villaggi (stabile leggasi 24 ore su 24, per rendere i paradossi della situazione). A latere, tra l’altro, e’ in corso anche un’operazione dei britannici, apparentemente pero’ marginale in un contesto dove ormai “comandano” gli americani.

Come gia’ avvenuto in passato, in questi casi i talebani sono bravi a fuggire evitando lo scontro  diretto con un nemico sovrastante per numero di unita’ e mezzi (in una settimana di operazione i marines hanno avuto solo una ventina di “contatti” con il nemico). Il pericolo (da qui le critiche dei generali italiani e tedeschi) e’ che in fuga i talebanai si spostino verso nord a complicare situazioni gia’ complesse. In particolare nella confinante provincia di Farah, dove i para’ della folgore e i bersaglieri dai primi giorni di giugno stanno finendo sotto attacco praticamente ogni giorno, concentrandosi su alcuni precisi distretti intorno alla capitale provinciale (altri due sono finiti nell’op box Tripoli, un’area dove possono operare solo i marines americani e che portera’ presto ad una revisione, presumibile, dei confini dell’RC-West di Isaf). Insomma se a Farah arrivassero (e non e’ detto che non siano gia’ arrivati) nuovi gruppi talebani, la situazione potrebbe precipitare. Ho cercato al comando italiano di Herat conferme all’indiscrezione senza trovarle ufficialmente… ma tutta la vicenda appare nella sua sostanza confermata.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...