Karzai si autoassolve, per Holbrooke è peggio dell’Iraq

A pochi dalle elezioni presidenziali (agosto?), capo di un potere statale ormai ridotto a pezzi e piegato dalla corruzione (tutti elementi che ne hanno fatto ormai oscurare le fortune a Washington come rivela questo articolo del New York Times), alla conferenza di Monaco Karzai ha di fatto continuato ad autoassolversi puntando su due temi, entrambi già maturi: il rapporto con il Pakistan come elemento indispensabile per battere il terrorismo e l’accordo con i Talebani “buoni” . Per la verità, è la prima volta che in una sede internazionale Karzai solleva così chiaramente il problema: “non c’è modo di avere successo nel modo che vogliamo e nei tempo giusto senza una qualche forma di riconciliazione” ovvero invitando a tornare a casa “quei talebani che non sono parte di Al Qaeda, che non sono parte della rete terroristica”.
 
Pesante il realismo del nuovo inviato per l’area dell’amministrazione americana, Richard Holbrooke: “Non ho mai visto niente come il pasticcio che abbiamo ereditato”. Per Holbrooke  vincere in Afghanistan sarà molto più duro che in Iraq.

© np 2009 – tutti i diritti riservati

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...